La storia

Il ristorante è situato all‘interno di Villa la Torre, antica residenza estiva della famiglia  Medici risalente presumibilmente al 1570 riscontrabile nell’aspetto architettonico che contraddistingue anche la canonica della Pieve di San Piero a Sieve, anch’essa risalente al 1550 quando venne fatta ricostruire da Bernardo dei Medici . Nel complesso della villa si trova il Ristorante “Teatro dei Medici” suddiviso in tre ampie sale dai soffitti con travi finemente decorate. Nella sala centrale, si conserva, sull’architrave di un antico camino, in pietra serena, uno stemma in bassorilievo della famiglia medicea. Davanti alla Villa è ubicato l’oratorio dedicato a S. Antonio Abate ove venivano , come tutt’ora, svolte cerimonie di vario genere.

Tra i primi proprietari della Villa vi furono i discendenti di Alamanno dei Medici, fondatore delle chiesa di San Bartolomeo a Petrone. Certa è l’appartenenza, nel 1616, della villa ad Ottaviano dei Medici, marito della discendente dei Marchesi Guasconi ai quali passò successivamente la proprietà. Dai Marchesi Guasconi, la villa fu venduta e acquistata nel 1838 da Egidio Casini Di Rabatta il quale fece scolpire sopra l’ingresso principale del ristorante il proprio stemma: “...un cavaliere in arme con leone rampante e la testa cinta da una corona con tre palle....”. Nel complesso della villa vi era anche un piccolo teatro; a causa di un forte terremoto che devastò il Mugello nel 1919, la villa, così come il teatro subì gravi danni. Successivamente, al contrario della villa, il Teatro non venne restaurato e trova spazio in una corte all’interno della Villa.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

E' necessario essere Accesso effettuato per pubblicare un commento